Comunicazioni

Ultimo saluto a Riccardo De Antonis

By Maggio 8, 2020No Comments

Ultimo saluto a Riccardo De Antonis

Quasar Institute for Advanced Design desidera condividere con tutti i suoi studenti, docenti e amici la dolorosa notizia della scomparsa del Prof. Riccardo De Antonis, fotografo e docente che Quasar ha avuto il privilegio di conoscere e vivere. Vogliamo ricordare il Prof. De Antonis attraverso le parole di omaggio del Prof. Benedetto Todaro, Direttore Scientifico di Quasar.

Riccardo De Antonis, Fotografo 1952 – 2020

Ieri ci ha lasciati un caro amico, un bravo fotografo, un insegnante appassionato e un raffinato uomo di cultura, dolce e affabile: un uomo di altri tempi. Quasar Institute for Advanced Design si unisce alla sua famiglia partecipando a questa dolorosa perdita. Riccardo De Antonis è stato per molti anni il riferimento fondamentale per la fotografia non solo all’interno del Quasar, ma per l’intero ambiente romano e nazionale. Nella sua opera i contenuti culturali e la perizia tecnica hanno trovato una rara armonia. Figlio d’arte ed erede di Pasquale De Antonis: uno dei massimi protagonisti della scena artistica a cavallo dell’ultima guerra e negli anni della ricostruzione, ha avuto la ventura di partecipare, ancora giovanissimo, al fervido clima culturale del dopoguerra italiano, tra intellettuali, scrittori, attori, artisti, registi e critici protagonisti della scena italiana e in particolare romana (il che vuol dire mondiale) negli anni d’oro della sua effervescenza creativa.

Cinema, teatro, gallerie d’arte e poi i viaggi e la dimensione esotica. Queste le esperienze alla base della sua formazione e della pratica professionale, questi gli stimoli, ma anche i soggetti delle sue riprese. Ricca la sua produzione sempre raffinata e di qualità, molti i libri fotografici che lascia. Quello che più caratterizza e distingue Riccardo nel panorama della fotografia contemporanea è la particolare attitudine a rintracciare, nell’occasione e nella quotidianità, lo spessore e la profondità di possibili significati restituendo alla dimensione esistenziale valore, dignità e pienezza come solo l’occhio attento e un animo sensibile e colto sanno cogliere e comunicare.

Non si può trascurare neanche il suo contributo didattico protratto per tanti anni, la sua passione e disponibilità generosa a condividere l’esperienza per la crescita di giovani talenti. Ancora abbiamo negli occhi la sua immagine mentre, circondato da capannelli di giovani compresi e attenti, esercita il suo magistero con la semplicità e il carisma di un apostolo laico.

Riccardo sarai sempre tra noi, ti vogliamo bene e non ti dimenticheremo.”

Benedetto Todaro