• en

26 luglio 2019

Come formare uno specialista di Interaction Design

Course Interaction Design

Cosa dovrebbe insegnare un corso efficace di Interaction Design? È questa la domanda che si pone il Prof. Alessandro Ranellucci, che ha insegnato in Quasar Institute per svariati anni. Il Prof. Ranellucci ha deciso di prendersi una pausa dall'insegnamento per il prossimo anno, e ha quindi deciso di scrivere una riflessione sulle sue esperienze come insegnate di Interaction Design.

Questa materia è uno dei campi più all'avanguardia e variegati del Design contemporaneo, eppure non è affatto nuova. Sono ormai almeno un paio di decenni che i designer si interrogano sul rapporto tra tecnologia e utenti. Poiché oggi la tecnologia è ovunque - nelle nostre case, negli oggetti che usiamo e indossiamo, nelle infrastrutture delle nostre città... - è diventato sempre più importante applicare le regole del design per facilitarne la fruizione da parte degli utenti finali.

Ma che cosa significa, esattamente, facilitare questa fruizione? Le materie che si propongono di dare una risposta sono molte, spesso con confini sfumati: User Experience, Human-Computer Interaction, User Interface Design, Usability e molte altre ancora. La domanda diventa allora, che tipo di Interaction Design insegnare?

La risposta è complessa, e motivata con interessanti riflessioni sulla materia in generale e su cosa sia possibile, concretamente, insegnare in 3 anni di laurea. Su cosa si dovrebbero concentrare le classi di un corso di Interaction Design?

Dovrebbero basarsi su interpretazione puramente di mercato, e concentrarsi sulle skill più richieste dal mercato del lavoro, come UX/UI Design e progettazione web e app?

Dovrebbero dare spazio a materie teoriche quali Human-Centered Design, Multimedia Communication e Service Design?

Oppure dovrebbero concentrarsi su Physical Interaction, su prototipazione e Interactive Product Design?

Per non parlare di tutte quelle skill che rientrano nel mondo delle arti digitali come Video Editing, Fotografia, Modellazione 3D, Animazione e Sound Design: un Interaction Designer che abbia dimestichezza con queste materie avrà sicuramente un vantaggio, e potrebbe trovare aperti molti percorsi di carriera in più.

Potete leggere le riflessioni su tutti questi argomenti nell'articolo del Prof. Ranellucci qui.

Scroll Inizio Pagina
× Whatsapp