Skip to main content
EventiGame Design

Il Quasar Institute conferma la partecipazione a Romics

RomicsIl Quasar Institute conferma la sua partecipazione alla XXVIII edizione di Romics. Dal 7 al 10 Aprile, gli studenti di Game Design presenteranno al pubblico della Fiera di Roma i progetti a cui hanno lavorato nel corso dell’anno. Board game, videogiochi e play testing popoleranno lo stand dell’Accademia per mettere in mostra il talento dei nostri futuri Game Designer. Vi aspettiamo per giocare insieme e conoscere da vicino i progetti degli studenti!

Romics: tutti i progetti degli studenti di Game Design

Adopted

Nel paese delle fucine vive Norbert con suo nipote Simon. Il posto è situato nel nord Italia ed è una piccolissima frazione abitata da una sessantina di abitanti.

Fra i cittadini del posto è diffusa e tramandata da anni una leggenda particolare. Si racconta che ci sia un’entità tra le montagne che rapisce e fa scomparire i bambini. Dallo scorso secolo provengono solo alcune voci di un paio di ragazzi spariti in circostanze poco chiare. A causa di quegli avvenimenti però, gli abitanti iniziarono a dare un nome e una funzione specifica a questa entità leggendaria: “La Madre, colei che adotta i bambini”, giustificando così la loro scomparsa misteriosa.

Nell’ultimo anno questo fenomeno è tornato a verificarsi molto più frequentemente. Le nuove generazioni sono scomparse quasi del tutto. Uno dopo l’altro tutti i bambini sono stati presi e portati via dalle loro famiglie senza che nessuno potesse essere in grado di evitarlo. Alcuni tra gli adulti sostengono di aver visto comparire i propri figli in giro tempo dopo. Avevano un aspetto totalmente diverso ed era inutile provare ad entrarci in contatto. Altri invece credono solo che l’intera storia sia una superstizione e le apparizioni dovute a fattori psicosomatici, mentre credono che i bambini scomparsi siano stati vittima di qualche folle.

Man mano che i bambini sono scomparsi anche gli adulti si sono visti sempre più raramente in giro. Alcuni hanno abbandonato il paese perché temevano di finire allo stesso modo, altri si sono solamente chiusi dentro casa e non ne sono più usciti. Il paese è ora tappezzato di manifesti con le foto di tutti coloro che sono stati adottati da “La Madre”.

Le autorità hanno effettuato molte ricerche. Ma nessuno è mai riuscito a scoprire nulla e nel paese è sempre più diffusa la convinzione che la leggenda possa essere vera…

Aletheia

Aletheia

Aletheia è un platform game in cui i giocatori vestono i panni di una bambina bendata in un mondo sconosciuto, apparentemente normale e senza colori. L’esperienza di gioco consiste nel vagabondare in un mondo grigio e desolato, cercando di riportare alla luce quella verità nascosta che ha portato alla scomparsa della vita e dei colori nel mondo.

Age of Revolt

Age of Revolt è un un platform 2D single-player di genere fantasy, sviluppato per PC. Il gioco è ambientato in un futuro distopico in cui due potenze, Natura e Tecnologia, hanno sopraffatto la specie umana e sono da secoli in conflitto tra loro per la supremazia. In questo scenario, due giovani eroi, un golem di nome Grok e un cyborg di nome Nion-404, consapevoli della possibilità dei due regni di coesistere e condividere lo stesso mondo, collaborano per fermare gli eserciti dei Monarca delle due potenze e porre fine al conflitto.

Debeat It

Debeat It è un gioco 14+, che affronta il tema politico in modo satirico, leggero e divertente, coniugando logica e fortuna nel raggiungimento della presidenza mondiale. Durante il gioco avremo a che fare con molti imprevisti, ispirati ad avvenimenti e scandali realmente accaduti, i quali potranno confermare o ribaltare il risultato della partita.

Debeat It combina abilità e fortuna, nella corsa politica che porterà uno dei giocatori a diventare Presidente del Mondo. Lo scopo del gioco è quello di completare una campagna politica itinerante tra i vari stati del tabellone e accumulare quindi più consensi possibile. Ogni stato ha un’identità politica variabile. Ad ogni nuova partita, infatti, tramite le estrazioni di “carte stato” verranno definiti i caratteri politici di ognuno di essi.

Il compito di ogni giocatore sarà quello di avviare un dibattito rispondendo proprio alle esigenze di quello stato in particolare, selezionando le risposte che (secondo lui) meglio si prestano a raccogliere consensi in base all’identità politica nazionale. A ravvivare il tutto poi, ci sono le carte imprevisto, che divertiranno i giocatori con una serie di colpi di scena che talvolta porteranno ad un totale ribaltamento del risultato. Il vincitore ovviamente sarà colui che a fine partita avrà conquistato il maggior numero di stati apponendo il proprio segnalino, anche in base all’influenza che ogni stato può avere (un po’ come nelle elezioni U.S.A.).