Skip to main content
ComunicazioniEventi

Bring Forward: il futuro torna protagonista

bring-forward-quasar-institute

Al via la seconda edizione della rassegna di talk tra filosofia, arte, architettura e linguaggio. Otto incontri per ristabilire una narrazione del futuro che non sia soltanto la distopia dominante nei media

Ospiti internazionali per un cluster di parole chiave che definiscano nuovi scenari progettuali.  

Luna Todaro, ceo e direttore didattico Quasar: “Come accademia, è nostro compito proiettare gli allievi in un futuro che sia costruttivo”

Primo appuntamento il 15 novembre con Alvar Aaltissimo in dialogo con il curatore Paolo Casicci per parlare di Satira e architettura.

Il futuro come opportunità e scenario progettuale, per andare oltre la visione distopica che, tra emergenze ambientali, geopolitiche ed economiche, domina il racconto dei media. Torna Bring Forward. Parole dal futuro. La rassegna di Quasar Institute for Advanced Design a cura di Paolo Casicci prende il via mercoledì 15 novembre con il primo degli otto talk ospitati dall’accademia romana del progetto, punto di riferimento dal 1987 dei creativi della Capitale. L’ospite del primo incontro, dal titolo Satira e architettura, è Alvar Aaltissimo, al secolo Fabrizio Esposito, creatore del profilo social popolarissimo col quale Aaltissimo/Esposito racconta l’architettura internazionale, le sue dinamiche e contraddizioni in forma di illustrazioni, meme e progetti surreali.

Mai come in questo momento storico la percezione collettiva del futuro è segnata da scenari apocalittici. La crisi ambientale e quella energetica, insieme all’emergenza geopolitica, hanno imposto negli ultimi anni una narrazione del futuro totalmente negativa. Possiamo lasciare che il futuro sia presidiato soltanto da visioni di catastrofi e distopie? Quasar Institute for Advanced Design torna con la seconda edizione di Bring Forward. Parole dal futuro per ristabilire un equilibrio nella narrazione degli scenari verso cui l’umanità va incontro, che non sono soltanto quelli distruttivi suggeriti dalle emergenze diffuse a tutti i livelli. Osserva Luna Todaro, ceo e direttrice didattica di QIAD: “Quasar Institute for Advanced Design è un’Accademia e, in quanto tale, ha nel proprio DNA la missione di progettare e di proiettare gli studenti verso il loro futuro professionale. Progettare il futuro non vuol dire soltanto anticipare i tempi e le sfide di un mondo in continua evoluzione e sperimentare nuove realtà con tecnologie innovative, ma soprattutto fare tesoro dell’esperienza del passato, quella che con trentasei anni di storia alle spalle il QIAD offre ogni giorno alle nuove generazioni”.

Ideata e curata da Paolo Casicci, giornalista, content curator e docente, la rassegna raddoppia gli appuntamenti, che crescono dai quattro della prima, fortunata edizione, agli otto della seconda, per portare nella sede di QIAD personaggi di rilievo internazionale nel panorama culturale e del progetto a 360 gradi. Dopo Alvar Aaltissimo, sarà la volta di Francesco Taddeucci, fondatore e creative director dell’agenzia Superhumans, della visual artist Fabiola Sangineto, del direttore digital di Elle Decor Alessandro Valenti, dell’architetto e designer Luisa Bocchietto, del business development manager di Magis Roberto Ferrari, di Stefano Pieretti di Nativa, la realtà che in Italia ha dato via al movimento B-Corp, e il duo Vaste Programe composto da Giulia Vigna e Leonardo Magrelli con la loro ricerca incentrata sul climate change e sulle modalità di fruizione della tecnologia da parte del pubblico di massa.

“La rassegna prende il nome da un comando dei principali software di progettazione che serve a portare in primo piano le geometrie” spiega il curatore, Paolo Casicci. “Il ciclo di talk vuole infatti far emergere come la progettualità e il design in senso lato siano gli strumenti a disposizione dell’essere umano per riorientare un destino che non è ineluttabile”.

Gli ospiti e i temi scelti per la rassegna provengono da universi progettuali differenti e distanti tra di loro, nell’intento di ridefinire cluster di parole chiave multidisciplinari, dall’arte alla filosofia, passando per l’architettura e il linguaggio.

Il primo appuntamento con Alvar Aaltissimo, in dialogo con Paolo Casicci, è il 15 novembre alle 18.30 nella sede di QIAD in via Crescenzio 17/A.

Per info e per partecipare agli incontri: segreteria@istitutoquasar.com

 

Press Office

press@digi-tale.it

3466062405

Contattaci